Alba

Alba

sabato 18 maggio 2013

L'associazione "Rinnovamento Civico"

Riunirci in Associazione c’è parso il modo più naturale per interessarci attivamente alla vita della nostra città. È proprio partendo da questo atteggiamento di partecipazione attiva che ci siamo ritrovati a condividere idee, propositi, progetti che trovano il loro contenitore nell’Associazione. Di certo non ignoriamo che esistono molte altre aggregazioni che portano il proprio contributo nella partecipazione attiva alla vita della città. Noi riteniamo di caratterizzarci per un profilo di più ampio respiro,volgiamo essere una associazione, per così dire, a carattere generale, ad impronta politico-culturale che vive la città nei suoi molteplici aspetti, valuta le azioni amministrative, guarda le attività produttive e considera con attenzione le criticità presenti nel tessuto cittadino. Ci proponiamo di portare in evidenza i temi più diversi per richiamare l’attenzione sulle scelte amministrative, esprimerci e indicare le possibili strade da percorrere sui problemi che toccano da vicino i cittadini nel loro vivere collettivo. 

Sentirsi finalmente parte attiva della cittadinanza di Alba

Rinnovamento Civico è il nome del nuovo movimento albese che, sorto per iniziativa popolare, intende occuparsi della questione civica relativa al proprio territorio. In che modo? Dedicando il proprio tempo ad individuare le esigenze e le criticità che caratterizzano l’ambiente urbano. Il nostro movimento nasce grazie al contributo partecipativo di cittadini albesi che, mossi dal comune animo di occuparsi del territorio in cui vivono nonché delle questioni ad esso afferenti, anche di carattere amministrativo, hanno condiviso l’idea di aggregarsi al fine di costituire un movimento in grado di dare voce all’esigenza di sentirsi parte attiva di un territorio ricco che sta sempre più perdendo la propria individualità e la propria essenzaParliamo di “esigenza di sentirsi parte attiva” perché un cittadino che non ha l’esigenza e l’interesse di sapere quello che accade nella propria città e di contribuire affinché tutto sia migliorato, rischia di contribuire indirettamente al declino della città stessa. Un interesse ed una esigenza che oggi noi cittadini stiamo sempre più perdendo per via delle continue delusioni che siamo costretti a subire per colpa dell’apparato che ci governa.  
Ecco perché noi riteniamo che sia opportuno preliminarmente informare i cittadini anche qualora gli stessi abbiano perso l’interesse di farlo da se. In poche parole cercheremo di portare noi direttamente l’informazione facendoli sentire parte attiva dell’aggregato urbano mediante convegni, incontri e quant’altro sarà possibile fare. Oggi non siamo qui per fare politica ma siamo qui perché ciascuno di noi è stato toccato dall’esigenza di dare il proprio contributo per migliorare la nostra citta. Usando un termine religioso possiamo definirlo come una vocazione (una chiamata interiore, frutto dell’amore per il proprio territorio). Ho deciso di aderire a questo movimento poiché, mosso da un forte risentimento per le notizie che preannunciavano la dipartita del Tribunale di Alba (foro presso il quale svolgo la pratica forense) sentivo la necessità di intervenire in qualche modo sul tema per portare un contributo che, seppur modesto, potesse evitare tale evento indesiderato. E quale modo migliore se non quello di esprimerlo attraverso un aggregazione di persone, ad un movimento civico.

La novità rappresentata da Rinnovamento Civico


Negli ultimi tempi abbiamo potuto toccare con mano l’ansia di svecchiamento e di rinnovamento che si respira in Italia. A noi di Rinnovamento civico non interessa fare un discorso esclusivamente di tipo politico, tuttavia non possiamo e non siamo rimasti sordi a questo desiderio condiviso da larghi strati dei cittadini, e quindi abbiamo deciso di mobilitarci anche noi, di dare –nel nostro piccolo- il nostro modesto contributo. Pensiamo che tutto quello che sta avvenendo in Italia si possa riassumere nella formula: far sì che i cittadini si riapproprino della cosa pubblica, direttamente e senza mediazioni. Occuparci della nostra città, in prima persona, mettendoci la faccia: questa è oggi la nostra aspirazione. Da troppo tempo in Italia si è fatto abuso della delega, affidando ad altri la cura degli interessi dei cittadini: con il risultato, però, di un sostanziale fallimento, provocato in primis dall’indifferenza di molti nei confronti dell’interesse collettivo, a vantaggio di interessi squisitamente personali. Da qui il rifiuto di tanti onesti cittadini nei confronti della passione e dell’impegno civile.

sabato 4 maggio 2013

Gazebo inform-attivi di Rinnovamento Civico ad Alba


"Rinnovamento Civico Alba" è un'associazione politico-culturale nata nel capoluogo delle Langhe nello scorso Aprile per dare una risposta locale alla forte necessità di rinnovamento che si respira in Italia. 
Il rinnovamento della situazione politico amministrativa e la tutela del tessuto produttivo sono il fine dell'associazione; per perseguire questo scopo si vuole instaurare un dialogo positivo, costruttivo e propositivo con tutte le forze politiche e le realtà produttive locali. Un occhio di riguardo verrà riservato alla cultura perchè “la cultura rende gli uomini liberi”. 
La scelta di scendere in piazza con gazebo inform-attivi è stata dettata dalla voglia di fare degli associati, la commenta così il presidente di Rinnovamento Civico, il dott. Gerardo Guarino: “Presentarci ai nostri concittadini con un gazebo ci è sembrato il modo migliore per poter instaurare un contatto diretto finalizzato a raccogliere informazioni su quali siano le aree di interesse pubblico che necessitano di un intervento più urgente. Dopo aver raccolto dati e suggerimenti ci attiveremo per individuare soluzioni e promuovere un dialogo tra cittadini e pubblica amministrazione.” 
Informazione ed azione sono i princìpi alla base dell'iniziativa di sabato 11 e 18 maggio, sempre per le vie del centro di Alba. Il Consiglio Direttivo spiega in questo modo il perché: Sappiamo benissimo che al giorno d'oggi parlare di politica ai cittadini possa sembrare una scelta sconsigliabile in quanto si tende, più o meno giustamente, ad associare la politica a quanto di peggio si possa immaginare. Noi non siamo contro la politica ma contro la sua deriva: crediamo fermamente che lavorando con passione, competenza e dedizione si possa ottenere il giusto rinnovamento per il nostro paese. Abbiamo incontrato diverse persone deluse dalla vecchia politica, e l'esigenza di un cambiamento in positivo è palpabile; proprio per questo motivo abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e scendere in mezzo ai nostri concittadini per lanciare questo messaggio: c'è ancora gente che sente propria la vita di questa città e che non è animata da interessi privati, il rinnovamento parte da noi e voi, insieme!” 
Se anche tu hai voglia di un cambiamento, se vuoi fare sentire la tua voce o sei semplicemente curioso e vuoi conoscere meglio Rinnovamento Civico, l'invito è per sabato 16 maggio dalle 9.30 alle 12.30 in Via Cavour (zona Magistrali) e sabato 18 maggio dalle ore 16.30 alle 19.30, in via Vittorio Emanuele II – via Maestra (all'altezza della profumeria Modus) ad Alba.
                    Stefano Ventura, addetto stampa Rinnovamento Civico